Home / Societario Internazionale / LTD come funziona Gestire una ltd
Ltd come funziona-Gestire una ltd
Ltd come funziona-Gestire una ltd Studio Legale Internazionale Bertaggia

LTD come funziona Gestire una ltd

LTD come funziona Gestire una ltd

Ltd come funziona. Come faccio a gestire una ltd? Ho convenienza a lavorare con una ltd? Molti utenti chiedono allo Studio Legale Internazionale Bertaggia domande sul funzionamento e sulla gestione delle LTD e sulla loro convenienza operativa e fiscale. Premettendo che ogni caso è singolo e come tale va studiato, tramite un adeguato apporto intellettivo e consulenziale, abbiamo comunque cercato di sintetizzare le domande più frequenti e generali in modo tale da fornire agli utenti un primo quadro sintomatico concernente le LTD di diritto anglosassone, oltre che darvi adeguati consigli su come aprire una ltd e avere risposta alla domanda: ltd come funziona?

Per domande ed info in materia di costituzione di ltd, chiama: +39 0532 240 071 – +39 348 443 504 0, oppure scrivici clicca qui per avere informazioni e preventivi su come creare una ltd o per sapere un ltd come funziona.

– LTD COME FUNZIONA: COME POSSO OPERARE IN ITALIA TRAMITE UNA LTD?

Una società legalmente costituita in uno dei paesi della UE (può infatti anche non essere una ltd ma una G.m.b.h., una d.o.o. od altra forma societaria estera) può operare in qualsivoglia stato della Comunità Europea; senza vincoli o limitazioni di sorta. Ciò in senso, però, del tutto generale, sulla base degli Articoli 26 (mercato interno), da 49 a 55 (stabilimento) e da 56 a 62 (servizi) del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE).  Le persone che esercitano attività indipendenti e i professionisti o le persone giuridiche ai sensi dell’articolo 54 del TFUE che operano legalmente in uno Stato membro possono:

  • esercitare un’attività economica in un altro Stato membro su base stabile e continuativa (libertà di stabilimento: articolo 49 del TFUE);
  • offrire e fornire i loro servizi in altri Stati membri su base temporanea pur restando nel loro paese d’origine (libera prestazione dei servizi: articolo 56 del TFUE)

Ciò presuppone non soltanto l’abolizione di ogni discriminazione basata sulla nazionalità ma anche, al fine di poter veramente usufruire di tale libertà, l’adozione di misure volte a facilitarne l’esercizio, compresa l’armonizzazione delle norme nazionali di accesso od il loro riconoscimento reciproco.

Questa la norma generale ma, purtroppo, non è tutto così semplice, bisogna armonizzare tale principio contemperandolo con le legislazioni fiscali nazionali. Bisogna, nel senso che se è vero che esiste il principio della libertà di stabilimento, ciò non vuol dire che si può operare, puramente e semplicemente, in Italia con una ragione sociale estera. Questo è un punto importante per capire come funziona una ltd.

-LTD COME FUNZIONA: FARE TUTTO IN REGOLA. VEDIAMO IL PERCHÉ

Non fare le cose in regola ed essere abbagliati dal prezzo basso. Questo infatti è l’errore di superficialità più frequente che commettono i neo-imprenditori italiani, sono convinti (a volte, molto spesso, vengono convinti da “consulenti” improvvisati) che solo sulla base del principio della libertà di stabilimento sia possibile risiedere e lavorare in Italia e pagare le tasse all’estero, magari in nazioni a fiscalità del 10% o meno ancora. QUESTO NON E’ POSSIBILE. Ricordatevelo bene.

-LTD COME FUNZIONA: COME POSSO OPERARE LEGALMENTE TRAMITE UNA LTD?

La ltd dovrà, infatti, per essere regolare dal punto di vista amministrativo e fiscale, istituire una stabile organizzazione od un’unità locale, diretta dipendenza della casa madre, qualora la reale sede direzionale, quella ove viene svolta l’effettiva direzione strategica dell’azienda, sia in un paese diverso da quello ove ha la sede legale, ovvero se opera solo in un territorio diverso da quello ove ha la sua sede, questo al fine di evitare problematiche, gravi, di esterovestizione.

Le risposte al quesito ltd come funziona sono quelle che scriviamo qui. Non si creda (contrariamente alle “bufale” che girano in rete), che sia possibile gestire affari in Italia, con una ltd, fatturando dall’estero e lavorando dall’Italia: sono comportamenti vietati ed illeciti, in grado soltanto di procurare seri problemi all’incauto imprenditore che voglia utilizzare in maniera impropria tale strumento giuridico. Comprendete perché è necessario rivolgersi a dei professionisti per creare una ltd, cliccate qui.

– LTD COME FUNZIONA: COME E CON QUALI LIMITAZIONI POSSO ACQUISTARE IN ITALIA ED ALL’ESTERO CON UNA LTD?

La LTD può acquistare tutto quello che vuole: merci, beni mobili registrati, immobili privati ed industriali, servizi: in definitiva, tutto. Nessuna limitazione diversa da eventuali limitazioni attive per le imprese italiane.

– SE APRO UNA FILIALE ITALIANA, QUESTA RISULTERÀ ESSERE UNA SOCIETÀ A SE’ STANTE, CON UN OGGETTO SOCIALE BEN DEFINITO?

Naturalmente si: sarà, dal punto di vista strettamente fiscale, una società di diritto italiano, con la tassazione pagata in Italia. Si ha un’utilità nel caso che la Ltd funga da Holding, ed in caso di dimensioni di rilievo della filiale, rilievo in base al volume di affari, ai dipendenti ad una eventuale produzione etc, oltre che, in ogni caso, a facilitazioni di ordine amministrativo e burocratico ed in materia fallimentare. La società sarà sempre quella estera, che, grazie alla stabile organizzazione che andrà ad aprire (obbligatoriamente) avrà una partita iva italiana ed una iscrizione alla CCIAA italiana, pur rimanendo società estera.

La ltd con stabile organizzazione in Italia sarà quindi italiana solo dal punto di vista fiscale. Qualsiasi impresa legalmente costituita in un paese dell’UE può quindi aprire una sede secondaria (ufficio, agenzia, succursale, stabile organizzazione o filiale) in un altro paese dell’UE, ai sensi della libertà di stabilimento. Si noti la complessità nel comprendere la ltd come funziona.

Tipi di sedi secondarie. Società estera che opera in Italia. Le imprese possono costituire diversi tipi di sedi secondarie:

  • un ufficio di rappresentanza, che rappresenta la società e fornisce informazioni sui prodotti ma, per obbligo giuridico, non svolge un’attività commerciale così come non può effettuare nessuna attività lavorativa, o stipulare contratti;
  • un’agenzia, che svolge funzioni di rappresentanza della società;
  • una succursale, ossia un’entità dotata di maggiore autonomia che svolge attività in proprio, ma sempre per conto dell’impresa cui fa capo;
  • una filiale, detta anche stabile organizzazione, ossia un’entità dotata di personalità giuridica, costituita in un paese ospitante in una delle forme previste dal diritto societario di quest’ultimo, il cui capitale è interamente di proprietà dell’impresa madre (una società con un socio unico, una forma sociale riconosciuta in tutti i paesi dell’UE) o controllato da un’altra società insieme a soci di minoranza locali (una filiale comune).

-CONFIGURAZIONE GIURIDICA DELLE SEDI LOCALI DELLA LTD

Se uffici, agenzie e succursali non hanno personalità giuridica, le filiali sono persone giuridiche autonome rispetto alla società madre, sottostanno al potere impositivo fiscale dello stato in cui hanno sede ed operano, e possono portare legalmente gli utili percepiti, post imposte, presso i conti della casa madre che è proprietaria della stabile organizzazione. Ltd come funziona, le spiegazioni.

Condizioni:

per costituire una sede secondaria od una stabile organizzazione in un altro paese dell’UE, le imprese devono:

  • ottenere le autorizzazioni necessarie;
  • possedere tutti i requisiti previsti dalla legge;
  • adempiere agli obblighi fiscali.

In tutti i paesi dell’UE le succursali devono:

  • iscriversi nel registro delle imprese e adempiere alle necessarie formalità in materia di imposte, IVA e previdenza sociale, scontando altresì le tasse nel paese ove ha sede la reale amministrazione societaria;
  • pubblicare informazioni – le stesse in tutti i paesi dell’UE – sulla società cui fanno capo e sulle sue attività.

Le filiali devono inoltre seguire tutte le procedure prescritte per la costituzione di una società nel paese ospitante.

I responsabili di uffici e agenzie devono ottenere un’autorizzazione, iscriversi alla camera di commercio o ad altri organismi analoghi e verificare quali siano i loro obblighi fiscali e previdenziali nel paese ospitante.

-STABILE ORGANIZZAZIONE DELLA LTD: LA CONFIGURAZIONE FISCALE

La stabile organizzazione costituisce, ai fini delle imposte dirette, il presupposto necessario affinché uno Stato possa assoggettare ad imposizione il reddito di impresa prodotto da un soggetto non residente. Nell’ambito delle convenzioni internazionali, è qualificato come Paese di origine lo Stato in cui il soggetto è residente, e come Paese fonte del reddito la nazione in cui la stabile organizzazione è ubicata.  In ambito di ltd come funziona, il modello Ocse di convenzione bilaterale contro le doppie imposizioni, che costituisce lo schema di riferimento nella stipula di questi accordi in particolare nell’ambito europeo, prevede l’imposizione esclusiva del reddito della stabile organizzazione nel Paese fonte: quindi non si lavora in Italia pagando le tasse all’estero. Per lo Stato di origine le regole alternative sono l’esclusione del reddito di impresa conseguito attraverso la stabile organizzazione, o la attribuzione di un credito per l’imposta pagata nel Paese fonte. In ambito internazionale, la definizione di stabile organizzazione non è univoca, in quanto ciascuno Stato può stipulare specifici accordi in sede di contrattazione delle convenzioni bilaterali. Generalmente, ai fini delle imposte dirette, la fattispecie comprende il presupposto di una struttura fissa, ovvero la presenza di soggetti che agiscono per conto del non residente.

Ciò che rileva ai fini della qualificazione, in ogni caso, è che l’attività svolta attraverso la stabile organizzazione sia produttiva di reddito. Non può costituire, pertanto, presupposto per legittimare l’imposizione sul non residente la presenza di un ufficio che gestisce esclusivamente l’acquisto di materie prime. Non è una “stabile organizzazione“, la struttura interna all’organizzazione di una società, cui sono demandate le ricerche di mercato; analogamente, non è stabile organizzazione lo stabilimento di produzione localizzato in un Paese con bassi costi di manodopera, che non gestisce rapporti con il mercato locale, e invia tutto il prodotto finito all’impresa non residente.

-STABILE ORGANIZZAZIONE DELLA LTD: I TRATTAMENTI SANZIONATORI PENALI

E’ importante, inoltre, sottolineare che la qualificazione di stabile organizzazione presente in un accordo bilaterale regola i rapporti tra gli Stati contraenti, anche in presenza di una differente qualificazione adottata nelle rispettive normative nazionali. Le convenzioni bilaterali prevalgono, infatti, sulla normativa interna, ponendo delle limitazioni reciproche in capo agli Stati firmatari sull’esercizio del potere di imposizione. Ciascun Paese potrà pertanto avere delle definizioni normative differenti di stabile organizzazione, ciascuna con un proprio ambito distinto di applicazione. Ricordiamoci che, non ottemperando a questi obblighi viene commesso un reato, infatti l’obbligo di presentazione della dichiarazione annuale dei redditi, da parte di società avente residenza fiscale all’estero, la cui omissione integra il reato, di cui all’art. 5 d.lg. 10 marzo 2000, n. 74, sussiste se la società abbia stabile organizzazione in Italia, anche occulta.

Ciò si verifica quando si svolgano in territorio nazionale la gestione amministrativa e la programmazione di tutti gli atti necessari, affinché sia raggiunto il fine sociale, non rilevando il luogo di adempimento degli obblighi contrattuali e dell’espletamento dei servizi. Questo lo ribadiamo perché costantemente molti credono che se i clienti sono all’estero e la ltd lavora dall’Italia, in Italia le tasse non debbano essere pagate.

– SE AVESSI NECESSITA’ DI ASSUMERE DEL PERSONALE IN ITALIA, COME POSSO GESTIRE LA COSA?

Qualunque sia la soluzione scelta e qualunque l’attività esercitata, il personale deve essere assunto in base alla legislazione italiana. In particolari casi e per limitati e temporanei periodi si possono avere dei dipendenti assunti all’estero e comandati in Italia. Da notare che, ai fini della qualificazione giuridica del rapporto di lavoro che intercorre tra una società italiana, consociata di società estera ed un lavoratore anche straniero, rapporto che si svolge in Italia, trova applicazione la normativa italiana, essendo priva di alcun rilievo la circostanza che il contratto sia stato stipulato tra stranieri all’estero e che la società sia consociata di società estera contraente. Perché ricorra l’ipotesi del comando o distacco è necessario che, durante il medesimo, persista il preminente interesse istituzionale dell’ente distaccante (che non può, a priori, negarsi nel quadro di un accordo di assistenza tecnica tra una società estera ed una sua consociata italiana) e che l’impiego del personale presso un ente diverso abbia il carattere della temporaneità.

– COME VIENE GESTITO IL COMPENSO DELL’AMMINISTRATORE DELLA LTD E LA SUA EVENTUALE TASSAZIONE?

Il compenso dell’amministratore è tassato in base al luogo di produzione e del paese di residenza fiscale dell’Amministratore stesso, contemperato dalle norme infrastatali contro le doppie imposizioni fiscali.

– NEL CASO IN CUI UN CLIENTE ACQUISTI DALLA LTD INGLESE, POSSO AGEVOLARLO PER LA “AUTOFATTURAZIONE“?

Domanda frequentissima in ambito di ltd come funziona: la LTD viene costituita per rendere più fluida ed agevole l’attività lavorativa, sburocratizzandola ed internazionalizzandola, non per eludere le imposte. Non è mai consigliabile l’autofatturazione, se non in determinati e specifici casi. Ricordiamo che nel sistema dell’inversione contabile denominato “reverse charge“, gli obblighi per le operazioni soggette ad i.v.a. di cessione di beni e prestazioni di servizi rese, nel territorio dello Stato, da soggetti residenti all’estero privi di stabile organizzazione in Italia e di rappresentante fiscale ai fini i.v.a., in favore di soggetti residenti nello Stato, incombono sui cessionari o i committenti (che non siano consumatori finali), i quali, quindi, sono tenuti alla cosiddetta autofatturazione (o, ricorrendone i presupposti, alla numerazione e all’integrazione della fattura ricevuta dal fornitore estero senza l’indicazione dell’i.v.a.) ed alla relativa annotazione sul libro delle fatture emesse, che vale come assunzione dell’obbligo di imposta da parte del cessionario, neutralizzata dall’annotazione nel registro degli acquisti, cui corrisponde il diritto del medesimo cessionario alla detrazione del corrispondente importo. Ne deriva che le predette registrazioni, anche nel caso di “reverse charge“, assolvono una funzione sostanziale, in quanto, compensandosi a vicenda, con l‘assunzione del debito avente ad oggetto l’i.v.a. a monte e la successiva detrazione dell’i.v.a. a valle, comportano che non permanga alcun debito nei confronti dell’ amministrazione, e consentono i controlli e gli accertamenti fiscali sulle cessione successive.

LTD ED IVA IRREGOLARE: LE CONSEGUENZE

Ne consegue, inoltre, che l’amministrazione finanziaria, ove accerti l’omessa registrazione e fatturazione, in qualunque forma idonea, da parte del committente, delle predette prestazioni, può recuperare l’i.v.a. evasa, non compensabile “ex post” in virtù di esercizio tardivo del diritto di detrazione. Per continuare la disamina in ambito di ltd come funziona, si può affermare che sarà possibile, rispettando le legislazioni, fatturare dall’estero per le reali spese sostenute dalla casa madre, ed in questo caso ci sarà una fattura estera senza addebito di IVA. La società estera (in UK in particolare) può essere dichiarata “dormant” sino al momento in cui non inizia ad operare effettivamente, in UK non esiste il concetto di società di comodo: una società o opera o non opera, se opera paga le tasse su ciò che fattura, se non opera resta attiva senza imposizione fiscale e presunzioni di redditività.

-DOPO CHE HO COSTITUITO LA LTD COSA SUCCEDE, COME FACCIO AD ESSERE IN REGOLA IN ITALIA ED ALL’ESTERO?

Il nostro Studio Legale, con competenze in diritto internazionale, segue sempre il cliente, anche dopo la costituzione della società, essendo in grado di fornire un servizio consulenziale continuo ed altamente professionale, non limitandosi a costituire la LTD e poi abbandonando il cliente a sè stesso: i costi sono ovviamente consequenziali a tali servizi improntati non al commercio di costituzione di società, ma ad una assistenza professionale globale ed attagliata su misura alle esigenze della clientela, caso per caso. L’importanza di rivolgersi solo a dei seri professionisti per costituire e gestire una ltd è essenziale: leggi qui per capire come opera il nostro Studio in materia di costituzione di ltd.

Per domande ed info in materia di costituzione di ltd, chiama: +39 0532 240 071 – +39 348 443 504 0 -, oppure scrivici clicca qui

© Riproduzione riservata
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in www.avvocatobertaggia.com/blog
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina di www.avvocatobertaggia.com/blog che contiene l’articolo di interesse.
È vietato che l’intero articolo sia copiato in altro sito; anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e l’inserimento di un link diretto alla pagina di www.avvocatobertaggia.com/blog che contiene l’articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in www.avvocatobertaggia.com/blog è obbligatoria l’indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore. Studio Legale Internazionale Bertaggia – Titolo LTD COME FUNZIONA GESTIRE UNA LTD, in www.avvocatobertaggia.com/blog

Lawyer Italy, lawyer Ferrara, lawyer Castelfranco Emilia, lawyer Civitanova Marche, avvocato Italia esperto ltd, avvocato Ferrara esperto ltd, avvocato Castelfranco Emilia esperto ltd, avvocato Civitanova Marche esperto ltd

a proposito di avv.bertaggia

Ti potrebbe interessare anche...

Costituire ltd Inghilterra

Costituire una ltd Inghilterra

COSTITUIRE LTD INGHILTERRA Costituire ltd Inghilterra. Gentili lettori: di seguito (ed in continuo aggiornamento) una …

260 commenti

  1. Buongiorno avvocato,

    sono un developer italiano e lavoro nel settore IT nel nostro paese. Avrei deciso, a breve, di testare alcuni progetti personali attraverso la costituzione di una start up a Londra (Ltd), ovviamente trasferendomi in loco per un periodo indefinito. Premetto che i nomi di dominio dei siti/progetto sono stati registrati con connettività – linea dati – inglese e maintainer inglesi.

    Anche i server personali, che ospiterebbero i progetti a Londra – hosting -, avrebbero, ovviamente, connettività inglese. La mia permanenza in uk dovrebbe contemplare un periodo permanente di ca 6 mesi 1 anno. Quello che mi rimane di capire riguarda il mio stato civile, in quanto sono coniugato.

    Quali implicazioni potrebbero innescarsi, da parte di organi di investigazione fiscale, a causa del rapporto coniugale che lascio in italia? La mia intenzione come dicevo, è quella di trasferirmi inizialmente e in pianta stabile in UK per seguire il business, sicuramente continuerò ad avere un rapporto con il mio paese e gli affetti , tornando più o meno periodicamente per brevi periodi, magari trasferendo la famiglia se avrò fortuna..

    Ma nel frattempo questo cosa comporterebbe e a quali implicazioni/problemi andrei incontro nei confronti di alcuni controlli fiscali italiani?

    Grazie infiniti per il suo tempo
    Marco

    • Gentile Sig. Marco: lei deve distinguere, dal punto di vista della fiscalità, le implicazioni societarie da quelle sui redditi personali. Se lei apre una ltd in UK, realmente esistente, con autonomo ufficio (non presso una società di incorporazioni societarie o un tax advisor), utenze, personale, e lei in qualità di director si reca realmente in UK ad espletare l’attività lavorativa in loco, ove viene espletata anche la reale amministrazione strategica per l’andamento societario, la sua ltd pagherà la corporation tax in UK.

      Questo per ciò che riguarda i redditi societari. Diverso è il discorso per le tasse sui redditi personali che lei necessariamente dovrà incassare dalla sua ltd. Gli stessi, fintantochè lei sarà un residente fiscale italiano, saranno da sottoporre a tassazione al 100% in Italia, e contribuiranno, i dividendi, a formare il suo reddito imponibile da sottoporre a tassazione nella misura del 49,72%, andando tassati a scaglione. Eventuali tasse personali pagate in UK diverranno credito d’imposta in Italia.

      Se lei invece vuole essere tassato anche a titolo personale in UK dovrà risiedere fiscalmente (domiciliare per la legge britannica) ivi per un periodo minimo di 184 giorni all’anno, iscriversi all’AIRE ed effettuare ogni altro accorgimento volto a dimostrare che la sua residenza estera è reale e non fittizia. A tal proposito legga questo nostro articolo. Il suo stato di coniugio è altamente significativo in senso ostativo alla residenza estera.
      Le consigliamo anche questa lettura: https://www.avvocatobertaggia.com/blog/trasferirsi-estero-come-fare/

      I migliori saluti.

      http://www.avvocatobertaggia.org

      • gentilissimo avv. Bertaggia! Mi trovo ancora in una fase progettuale mediamente avanzata (software) ma appena passerò in uno stato di chiusura legislativa la contatterò!

        Grazie ancora per il suo tempo
        Marco

  2. Buongiorno , se una ltd avesse come unico socio o come socio di maggioranza una srl italiana , anche in questo caso sarebbe necessaria la stabile organizzazione in italia ?
    Grazie

    • Gentile Sig. Giordano: anche nel caso da lei prospettato la ltd avrebbe bisogno, per operare legalmente in Italia, dell’apertura di una stabile organizzazione. Non bisogna confondere la proprietà di una società con la reale amministrazione della stessa, (place of effective management), tale amministrazione deve coincidere con lo stato in cui viene gestito ed amministrato l’andamento aziendale. Se una ltd a capitale interamente italiano (anche sotto forma di srl) vuole lavorare in Italia deve assolutamente aprire, quindi, una stabile organizzazione (branch) della stessa in territorio nazionale.
      Per approfondire il concetto di stabile organizzazione segua questo link.
      I migliori saluti

      http://www.avvocatobertaggia.org

      • Mi spiego meglio , una srl che si occupa di sviluppo software vorrebbe aprire una sede in uk per cercare in quel mercato nuovi capitali. I proventi della società estera ricadrebbero su quella italiana e qui tassati in maniera trasparente , quindi a cosa servirebbe aprire la stabile organizzazione della sede estera di una società italiana ?

        • Se l’attività è realmente, concretamente, stabilmente esercitata in UK, con amministratore residente ivi, dipendenti, strutture autonome svincolate da ogni controllo e direzione della controllante, gestione dei conti solo in UK ed a cura dell’amministratore residente UK non si pone neppure il pensiero di istituire una stabile organizzazione in Italia. Ci ripetiamo, non confonda assetto proprietario e persona giuridica amministrata REALMENTE dall’estero: il problema è questo, amministrare concretamente dall’estero senza nessun tipo di controllo dall’Italia. Argomento comunque già trattato, legga il nostro articolo sui requisti di esterovestizione di una ltd.
          I migliori saluti

          http://www.avvocatobertaggia.org

  3. Salve, gentilmente vorrei sapere;
    aprendo un ltd ma residente in italia,,ed operare in italia al livello di intermediazioni,,, fiscalmente devo rispondere in italia o Inghilterra ? Sto cercando di allinearmi in modo regolare sia qui che in Inghilterra.

    Grazie mille.

    • Gentile Sig. Alberto, se la sua intenzione è quella di aprire una ltd, restare a risiedere in Italia, e lavorare dall’Italia, fatturando con la ltd, tale comportamento è assolutamente vietato e contrario alle norme sia nazionali che estere, come abbondantemente spiegato nelle risposte a questa pagina. Se invece desidera operare dall’Inghilterra dovrà stabilire ivi una reale struttura operativa e recarsi a lavorare in loco, salva la creazione di una stabile organizzazione della società estera in Italia. Se è realmente intenzionato a procedere lo Studio può aiutarla a definire in maniera corretta il suo business.
      I migliori saluti.

      http://www.avvocatobertaggia.org

  4. Una LTD può operare in Italia? Mi spiego meglio. Se costituisco un LTD con sede a Londra, posso usarla come un SRL? es. comprare appartamenti in Italia per poi rivenderli? È la LTD può essere anonima? Grazie.

    • Gentile Sig. Sergio, la sua domanda, considerate le numerose risposte ad analoghe domande contenute nella pagina, ci sorprende alquanto: ad ogni buon conto, una ltd può operare in Italia solo se ivi costituisce una stabile organizzazione, scontando quindi le imposte in Italia, a meno che lei non si trasferisca a lavorare realmente a Londra, ivi creando il place of effective management (la reale amministrazione societaria), ed operi da quel luogo. La ltd anonima non esiste, non è mai esistita, fino al vi era la possibilità di schermare (ai soli fini privati) i reali proprietari, che mantenevano l’obbligo dichiarativo nel quadro RW, tramite fiduciari. Dal 2016, tale possibilità non esiste più, atteso che i reali beneficiari sono iscritti, a cura dell’amministratore, in un registro pubblico tenuto da Companies House. Immutati gli obblighi dichiarativi al fisco italiano.
      I migliori saluti.

      http://www.avvocatobertaggia.org

  5. Voglio creare una ltd ma voglio spendere poco e lavorare dall’italia. Mi hanno detto che posso. È vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi