Home / Recupero Crediti / Pignoramento conto corrente: no al limite del quinto
pignoramento conto corrente

Pignoramento conto corrente: no al limite del quinto

PIGNORAMENTO CONTO CORRENTE NO AL LIMITE DEL QUINTO

Gentili lettori vi segnaliamo un’importante sentenza della Cassazione che determina il principio secondo il quale non vi è nessun limite nell’ambito del pignoramento di un conto corrente di un debitore.

Per chiarimenti ed informazioni in materia di pignoramento del conto corrente bancario: 0532 24 00 71 oppure scrivici clicca qui

Cassazione Civile, Sezione Lavoro, 9 ottobre 2012, n. 17178

La Massima: “Dopo la risoluzione del rapporto di lavoro è legittimo il pignoramento effettuato dal datore a garanzia del proprio credito risarcitorio sul conto corrente bancario dell’ex dipendente non dovendosi ritenere operante il limite del quinto dello stipendio, laddove, dopo l’accredito delle somme, si determina confusione con il patrimonio del debitore, essendo il denaro bene fungibile per eccellenza.”

Va, infatti, ritenuto che qualora le somme dovute per crediti di lavoro siano già affluite sul conto corrente o sul deposito bancario del debitore esecutato non si applicano le limitazioni al pignoramento previste dall’art. 545 cod. proc. civ.. E, d’altra parte, detta ultima norma quando prevede la possibilità di procedere al pignoramento dei crediti soltanto nel limite del “quinto” del loro ammontare si riferisce ai crediti di lavoro. Orbene, per individuare la natura di un credito (ivi compreso quello avente ad oggetto somme di denaro) occorre accertare il titolo per il quale certe somme sono dovute ed i soggetti coinvolti nel rapporto obbligatorio. Ond’è che, laddove il creditore procedente notifichi un pignoramento presso il datore di lavoro del suo debitore, non v’è dubbio che le “somme” da questi dovute a titolo di retribuzione rappresentino un credito di lavoro. Viceversa, quando il creditore pignorante sottoponga a pignoramento (id est a sequestro) somme esistenti presso un istituto bancario ove il debitore intrattiene un rapporto di conto corrente e sul quale affluiscono anche le mensilità di stipendio, il credito del debitore che viene pignorato è il credito alla restituzione delle somme depositate che trova titolo nel rapporto di conto corrente. Sono, quindi, del tutto irrilevanti le ragioni per le quali quelle “somme” sono state versate su quel conto: il denaro è bene fungibile per eccellenza. Ciò, del resto, trova conferma nei precedenti di questa Corte, secondo cui, una volta soddisfatta, spontaneamente o per via coattiva, l’obbligazione derivante per legge a carico della p.a. in conseguenza dell’opera di lavoro prestata dal dipendente, nessuna preclusione o limitazione sussiste, in ordine alla sequestrabilità e pignorabilità di tali somme, ormai definitivamente acquisite dal dipendente e confluite nel suo patrimonio, sia che esse si trovino nel suo diretto possesso, sia che esse risultino depositate a suo nome presso banche ed assoggettate, quindi, alla disciplina dell’art. 1834 cod. civ. (cfr. Cass. n. 3518 del 12 giugno 1985).

Qualora venga sottoposto a pignoramento il conto bancario del debitore, non trova applicazione la limitazione di un quinto, anche se sul predetto conto venga accreditato lo stipendio ed anche se il creditore procedente sia lo stesso datore di lavoro (nel caso di specie l’istituto di credito). Infatti, nel momento stesso in cui la retribuzione viene accreditata, la stessa entra completamente e definitivamente nel patrimonio dell’esecutato e diviene irrilevante la causale da cui trae origine, considerato che il denaro è bene fungibile per eccellenza. Si potrà quindi procedere senza problemi a pignorare il conto corrente del debitore, se in possesso del titolo, e là ove si scopra con certezza dove siano i conti correnti del debitore stesso. Si tratta poi sempre di utilizzare istituti investigativi seri e qualificati in grado di scoprire con rapidità e certezza i conti correnti dei debitori.

Se desideri pignorare un conto corrente a Ferrara, Castelfranco Emilia, Modena, se hai dei crediti da recuperare ovunque in Italia puoi rivolgerti al nostro Studio, ti indicheremo come procedere. Chiama lo 0532 24 00 71 oppure scrivici per recuperare i tuoi crediti.

© Riproduzione riservata
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in www.avvocatobertaggia.com/blog
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina di www.avvocatobertaggia.com/blog che contiene l’articolo di interesse.
È vietato che l’intero articolo sia copiato in altro sito; anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e l’inserimento di un link diretto alla pagina di www.avvocatobertaggia.com/blog che contiene l’articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in www.avvocatobertaggia.com/blog è obbligatoria l’indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore. Studio Legale Internazionale Bertaggia – Titolo- Pignoramento conto corrente: no al limite del quinto- in www.avvocatobertaggia.com/blog

a proposito di avv.bertaggia

Ti potrebbe interessare anche...

Condominio recupero crediti condominiali

RECUPERO CREDITI CONDOMINIALI Recupero crediti condominiali: questo è un notevole problema che riguarda in modo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi