Home / Societario Internazionale / Società Croazia d.o.o.: fare società in Croazia
Società Croazia d.o.o.
Società Croazia d.o.o.

Società Croazia d.o.o.: fare società in Croazia

SOCIETÀ CROAZIA D.O.O.: FARE SOCIETÀ IN CROAZIA

Gentili lettori, nel variegato settore del diritto societario internazionale e nell’ambito dellinternazionalizzazione delle imprese, non vi sono soltanto ltd: molte altre forme di società, in Europa, e non solo, possono essere utilmente utilizzate per creare una valida struttura operativa che coniughi i vantaggi fiscali con l’internazionalizzazione societaria. Esamineremo la più classica società Croazia, la d.o.o. (Družba z omejeno odgovornostjo).

La d.o.o. di diritto Croato è un ottimo e duttile strumento lavorativo per le imprese italiane desiderose di delocalizzare la loro attività andando a lavorare ed a produrre in uno Stato serio, in forte espansione economica, con buone infrastrutture, con un sistema giuridico aziendale certo e rapido (al contrario di quanto accade in Italia), e con un sistema fiscale e di incentivi di reale interesse, la Croazia. Per la fiscalità croata ed il sistema di incentivi leggi l’articolo sul nostro sito, clicca qui.
Il 12 luglio 2012 il parlamento croato ha recepito la proposta di Legge che modifica la Legge sulle Società Commerciali che permette di creare una società d.o.o. con il capitale sociale di 10 kn.

Se desideri consulenza in merito alla società Croazia d.o.o., chiama il +39 0532 24 00 71, oppure scrivici, per fare una società in Croazia

COME FARE UNA SOCIETÀ IN CROAZIA

L’obiettivo principale di questi cambiamenti è concedere ai cittadini ed ai non residenti, considerata l’adesione croata all’Unione Europea, di fondare in modo più facile una società in Croazia ed ad incoraggiare l’autoimpiego. Una società commerciale con sede in altri Stati membri acquisterà quindi  il diritto di stabilimento in Croazia e potrà agire liberamente sul territorio croato senza dover stabilire altre forme organizzative. Dato che quasi tutti gli altri Stati membri dell’ Unione hanno maggiori richieste del capitale sociale minimo per la costituzione di una società, la norma sul capitale sociale delle d.o.o. croate permettono agli imprenditori esteri di fondare in maniera semplificata e con un capitale sociale minore una società a responsabilità limitata (d.o.o.) nella Repubblica di Croazia.

La d.o.o. semplificata, chiamata società semplice a responsabilità limitata, ha le stesse disposizioni che valgono per la società a responsabilità limitata (d.o.o.). La società semplice potrà essere costituita con un minimo capitale sociale di 10kn, pagato in contanti, mentre la minima quota di partecipazione è 1 kn. I costi per la costituzione della società semplice saranno ridotti grazie ai moduli preparati in anticipo, che in questo modo faciliteranno ed accelereranno la costituzione.

La società semplice potrà avere un massimo di tre soci ed un solo un membro d’amministrazione. La società semplice dovrà mettere a riserva un quarto del profitto registrato nei conti annuali diminuiti delle perdite nel’anno precedente nelle riserve statutarie. Se si manifesta la possibilità d’incapacità dell’impresa di far fronte agli impegni di pagamento assunti si convoca l’assemblea generale obbligatoria dei soci. Quando il capitale sociale della società semplice raggiunge la quantità di capitale sociale della società limitata classica, sulla società semplice verranno applicate le norme della società a responsabilità limitata.

Crediamo che la società Croazia d.o.o. semplificata sia un ottimo, poco costoso, e duttile strumento per tutti quegli imprenditori che desiderano avviare un’attività economica all’estero in modo semplice ed immediato, minimizzando i costi e potendo altresì lavorare senza problemi, con stabilità, anche in Italia (salva e necessaria la creazione in loco della stabile organizzazione), sicuramente è uno strumento alternativo, per certi versi migliore, e meno costoso che non le ltd anglosassoni: anzi è possibile affermare che, data la vicinanza culturale e linguistica, per certi versi è più semplice operare dalla Croazia che non dall’Inghilterra.

Chiaramente per lavorare dalla Croazia e per operare con una società croata, sarà necessario seguire numerose regole fiscali internazionali che la nostra struttura legale è in grado di specificarvi, sopratutto al fine di non incorrere in problematiche di esterovestizione. Il nostro Studio dispone di adeguate strutture e supporti, in Croazia, per poter coadiuvare gli imprenditori desiderosi di internazionalizzare la loro azienda.

Puoi rivolgerti ad un avvocato italiano in Croazia per ogni tua esigenza societaria ed anche per avere preventivi per costituire una società in Croazia con avvocato italiano in Croazia.

Se desideri consulenza in merito alla società Croazia d.o.o., chiama il +39 0532 240071, oppure scrivici, per fare una società in Croazia

© Riproduzione riservata
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in www.avvocatobertaggia.com/blog
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina di www.avvocatobertaggia.com/blog che contiene l’articolo di interesse.
È vietato che l’intero articolo sia copiato in altro sito; anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e l’inserimento di un link diretto alla pagina di www.avvocatobertaggia.com/blog che contiene l’articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in www.avvocatobertaggia.com/blog è obbligatoria l’indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore. Studio Legale Internazionale Bertaggia – Titolo
SOCIETÀ CROAZIA D.O.O.: FARE SOCIETÀ IN CROAZIA, in www.avvocatobertaggia.com/blog

Lawyer Croazia, avvocato italiano Croazia, commercialista italiano Croazia

a proposito di avv.bertaggia

Ti potrebbe interessare anche...

reati fiscali

Reati fiscali azienda all’estero

REATI FISCALI: AZIENDA ALL’ESTERO Reati fiscali ? Non evadere il fisco. Porta la tua azienda …

17 commenti

  1. demetrio strati

    Buongiorno avvocato Bertaggia, grazie per avermi risposto , è stato molto gentile . La ringrazio per la sua cortesia e disponibilità e soprattutto per aver trattato un argomento così delicato e complesso con molta franchezza e giri di parole che servono solo a confondere le idee. Sono d’accordo con lei che non bisogna illudersi che basta solo una semplice apertura di società in un altro stato per illudersi di pagare meno tasse o addirittura di non pagarne affatto .
    Comunque , la mia domanda voleva essere diversa da come può essere interpretata . in effetti intendevo dire che l’apertura della società all’estero sarebbe propedeutica a un trasferimento (domicilio o residenza fiscale ) della mia attività professionale con conseguente domiciliazione fiscale e successiva residenza personale . Le chiedo scusa per l’equivoco e con l’occasione le porgo i più cordiali saluti – Dr Demetrio Strati

    • Grazie a lei. Se lei andrà a risiedere ed a lavorare nel luogo in cui l’attività societaria verrà effettivamente espletata, non si pongono problemi di esterovestizione o d’altro genere, ciò non toglie che, anche senza residenza estera, ma con place of effective management nel luogo ove l’attività viene effettivamente espletata, una società estera può essere concretamente effettuata senza violare nessuna norma.
      Restiamo a disposizione, continui a seguirci.
      I migliori saluti.

      http://www.avvocatobertaggia.org

  2. demetrio strati

    buongiorno , le chiedo scusa vorrei rivolgere una breve domanda . Vorrei aprire naturalmente una società (vedremo quale può essere la forma migliore) in Croazia oppure in Slovenia . Il mio lavoro consiste nella intermediazione di prodotti agroalimentari per cui non ho fissa dimora in italia poichè per il tipo di lavoro dovrei spostarmi in qualsiasi parte del mondo in qualunque momento e quindi risiedere per alcuni mesi presso qualche altro paese che può fare parte sia della UE che extra UE . A questo punto potrei fare capo presso la sede della nuova società croata o slovena e non avere problemi di esterovestizione , secondo lei è fattibile ?
    grazie
    cordiali saluti

    • Gentile Sig. Strati: abbiamo già avuto modo in molte occasioni di spiegarlo. No, non è fattibile, non in questo modo, il “nomadismo digitale” è una pura illusione che si scontra, presto o tardi, con le cartelle esattoriali e con i Tribunali. Noi siamo avvocati e commercialisti e non raccontiamo favole sul web per attrarre gli ingenui. Anche se spiacevoli, diciamo le cose come stanno. La residenza incide sull’obbligo fiscale così come vi incide il place of effective management. Altri sono i modi per avere una fiscalità adeguata alle aspettative, legali, ma giuridicamente complessi. Per farsi un’idea di cosa implica un reale trasferimento della residenza all’estero, legga qui.
      Le consigliamo una consulenza personale al fine di poter effettuare ogni cosa nella regolarità.
      I migliori saluti.

      http://www.avvocatobertaggia.org

  3. Gentile Studio ho intenzione di avviare un’attività di autotrasporti usufruendo del miglior trattamento fiscale croato. I miei consulenti mi dicono che posso fatturare dalla Croazia trasferendo là la sede legale (come ha fatto la FIAT in Olanda) e continuare a lavorare in Italia senza pagare le tasse qui perchè sono una ditta croata. Mi potete spiegare se è tutto corretto? Quanto costa aprire in Croazia? Mi hanno detto poche centinaia di euro. Attendo risposta grazie.
    Matteo

    • Signor Matteo: per aprire una società di autotrasporti in Croazia non vi sono problemi, ma la società, come più e più volte ribadito in questo Blog, deve essere REALMENTE ESISTENTE ED OPERATIVA. Le costruzioni di pura fantasia, create all’unico scopo di non pagare le tasse in Italia hanno come epilogo questo: http://www.trasportoeuropa.it/index.php/home/archvio/9-autotrasporto/12583-impresa-autotrasporto-accusata-di-frode-fiscale-per-estero-vestizione
      Purtroppo in Italia, complice la crisi, girano molti pseudo consulenti che raccontano ai clienti quello che si vogliono sentire dire: “ditta estera-lavoro in Italia-tasse all’estero“. Ma la realtà non è questa. Se lei desidera realmente operare dalla Croazia lo può fare, nella più totale legalità, ma trasferendo realmente il business. Quanto poi alle somme occorrenti, le poche centinaia di euro di cui parlano i suoi consulenti possono forse essere il prezzo (basso) della loro consulenza truffa, non di certo il costo di una struttura internazionale.
      Se è realmente interessato ci contatti a info@avvocatobertaggia.com

  4. Salve… Vorrei sapere se si può trasferire la mia ditta individuale in Croazia con relativa resistenza e lavorare in Italia?? Grazie Saluti.
    Gianfranco

  5. Buongiorno mi chiamo Filippo. Devo a breve cambiare residenza per via delle tasse troppo alte in Italia. Come lavoro sono un SEO: porto siti web di miei clienti in prima pagina su Google, quindi lavoro con il mio pc. Ho clienti italiani, e acquisto altri servizi, sempre servivi online, da altri italiani. Ho letto però questo articolo, http://www.italiansinfuga.com/2014/10/30/come-abbandonare-la-residenza-fiscale-italiana-e-vivere-felici-allestero/ In questo articolo pare che l’Italia possa perseguitare chi cambia residenza, costringendolo a pagare ugualmente anche le tasse Italiane. Vorrei sapere se avviando una società con sede legale in Croazia, ma continuando a vivere io in italia, potrei avere problemi, o se è qualcosa di fattibile e sicuro dal punto di vista legale. Grazie per l’attenzione. Filippo

  6. Salve, da un po’ di anni vivo in croazia, ma non sono ancora residente. Ho un permesso di soggiorno familiare. In Italia avevo una web agency che sono stato costretto a chiudere. Adesso lavoro con i miei clienti italiani, ma con contratti di collaborazione occasionale. Ho deciso, insieme alla mia famiglia di trasferirci stabilimente in croazia e a breve eprendero’ la residenza. La mia domanda e’: posso aprire una doo semplificata e lavorare tramite internet con i miei clienti italiani, potendo poi loro fatturare? Il lavoro da me svolto non viene eseguito su suolo italian e non intendo avere uffici o sedi in italia. Quindi, essendo residente in croazia e avendo ditta in croazia, anche se opero con clienti italiani (ma ripeto, il lavoro e’ svolto in croazia), la tassazione alla quale devo fare riferimento e’ solo quella croata, giusto? Non devo pagare nulla in Italia essendo che ridiedo in croazia, con ditta croata e il lavoro e’ svolto su suolo croato. La ringrazio per l’attenzione. Cordiali saluti. Riccardo

    • Gentile Sig. Riccardo: se lei risiede in Croazia, lavora dalla Croazia, ha interrotto ogni legame fiscale con l’Italia. Le tasse saranno da pagare in Croazia secondo la legge fiscale croata. Il suo è un ottimo esempio di come si fa ad esternalizzare, realmente, l’attività. Trasferendosi anche fisicamente. Siamo con lei. Ci tenga informati.
      I migliori saluti.
      http://www.avvocatobertaggia.org

  7. Nome: Gianmarco
    Commento: Salve,
    la costituzione di una d.o.o sembra molto interessante.
    Ho 20 anni e sto pensando di aprire un e-commerce per la vendita di dispositivi elettronici.
    La mia domanda è:
    posso fare ciò lavorando tranquillamente dall’Italia o devo per forza avere un ufficio in Croazia?
    Grazie

    • Gentile Signore: la sua giovane età le consente degli errori, scusabili. Come ampiamente detto più e più volte, NON è possibile lavorare in Italia con, puramente e semplicemente, una ragione sociale estera. Occorrono molti altri requisiti. Legga il nostro post sull’esterovestizione, clicchi qui
      Se è invece realmente interessato a delocalizzare, può contattare lo Studio, le forniremo sicuramente un ottimo supporto.
      Ci scriva a info@avvocatobertaggia.com
      I migliori saluti.

      http://www.avvocatobertaggia.com

      • La ringrazio per la sua cortese risposta.
        La mia era solo una domanda.
        Purtroppo il Governo invece di aiutare le “giovani” P.IVA non fa altro che complicare il tutto e massacrarci di tasse. Se fosse possibile trovare qualche escamotage ben venga. Il mio quesito non nasce dalla non volontà di pagarle (so benissimo che senza tasse un paese non si regge in piedi) ma quanto meno trovare un modo per pagarne poche o comunque il giusto in fase di avvio dell’attività come in molti paesi europei. Me lo spiega come può un giovane come me avviare un’attività se tra una cosa e l’altra come minimo il 50% dei guadagni finisce allo stato e le banche non concedono credito?
        Comunque sicuramente le scriverò una mail più avanti.
        Ringraziandola, auguro a lei una buona serata.
        Gianmarco Clemente

        • Gentile signore, le do perfettamente ragione, ma purtroppo le norme sono queste. Comunque, finalizzati all’ausilio ai giovani imprenditori come lei, lo Studio ha in essere procedure di internazionalizzazione legali e concrete. Se desidera ottenere un consulto privato per conoscerle e poi decidere se iniziare la sua attività lavorativa autonoma, in maniera conforme alle leggi, ci scriva per un consulto privato a info@avvocatobertaggia.com
          I migliori saluti.

          http://www.avvocatobertaggia.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiama ora!
Studio Avvocato Bertaggia Blog
SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi