Home / News giuridico-finanziarie / Consulente finanziario sospensione, processo penale
consulente finanziario sospensione

Consulente finanziario sospensione, processo penale

CONSULENTE FINANZIARIO SOSPENSIONE, PROCESSO PENALE, INAMMISSIBILE

VUOI CONSULENZA IN QUESTA MATERIA? CHIAMA LO +390532240071

Gentili lettori ci occuperemo, nell’ambito di consulente finanziario sospensione, di una importante e recentissima sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, precisamente la Sentenza n. 08822/2017 REG.PROV.COLL. e n. 00787/2017 REG.RIC. pubblicata il 20/07/17 che annulla una delibera del CONSOB, del 22/03/17, recante la “sospensione cautelare, per un periodo di trecento giorni, dall’esercizio dell’attività di consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede“. Consulente finanziario soapensione.

CONSULENTE FINANZIARIO SOSPENSIONE: LE CONTESTAZIONI DELLA CONSOB

Il consulente finanziario era stato sospeso poichè, a dire della CONSOB, aveva violato le condizioni dettate dall’art. 55, comma 2, del D.lgs n. 58/1998 e dall’art. 111, comma 2, del regolamento CONSOB del 29/10/07. Il consulente difatti risulta essere imputato di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti ed emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, di cui al D.lgs n. 74/2000. Tali reati, seppur il relativo procedimento penale risulti ancora in essere, e nonostante che gli stessi non si fossero mai riverberati nei confronti dei clienti del consulente (e della banca mandante), che non sono stati parti offese dai reati fiscali contestati; ciò nonostante sarebbero stati, a parere della CONSOB, rilevanti ai fini dell’adozione del provvedimento cautelare della sospensione cautelare di anni uno. Provvedimento oltremodo grave che, ove mantenuto, avrebbe annichilito la capacità lavorativa del consulente medesimo.

CONSULENTE FINANZIARIO SOSPENSIONE: LE ARGOMENTAZIONI DIFENSIVE

Il ricorrente ha sostenuto, per il tramite dei suoi difensori, che la CONSOB non ha accertato l’esistenza di un quid pluris rispetto alla mera vicenda penale, ovvero l’eventuale allarme e clamore rappresentato dalla vicenda penale nell’ambito dell’opinione pubblica, tale da pregiudicare il corretto funzionamento del mercato finanziario. Inoltre i capi di imputazione, a livello meramente fiscale, oltre a non essere definiti con sentenza passata in giudicato, non attengono ai clienti ed ai connessi obblighi di comportamento e non sono perciò idonei a pregiudicare il mercato mobiliare.

CONSULENTE FINANZIARIO SOSPENSIONE: LA SENTENZA DEL T.A.R. LAZIO N. 08822/2017 REG.PROV.COLL. E N. 00787/2017 REG.RIC. PUBBLICATA IL 20/07/17

Clicca per leggere il testo integrale Sentenza 08822 2017 REG.PROV.COLL. e n. 00787 2017 REG.RIC. pubblicata il 20 07 17

Il TAR Lazio nell’annullare la decisione della CONSOB non ha misconosciuto la rilevanza delle imputazioni penali (peraltro tuttora prive di sentenza definitiva) , ma ha invece rilevato “l’assenza di un sufficiente apprezzamento, alla stregua della normativa regolamentare della CONSOB, dell’idoneità delle circostanze poste alla base dell’imputazione a pregiudicare gli specifici interessi coinvolti nello svolgimento dell’attività di consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede“. Nel concreto difatti la CONSOB ha travalicato i limiti connessi all’esercizio della discrezionalità tecnica, in quanto tutte le presunzioni concernenti l’affidabilità del consulente finanziario nei suoi futuri rapporti con la clientela erano formulati in modo assolutamente generico, difatti “i comportamenti imputati al ricorrente possono costituire il campanello di allarme di possibili condotte contrarie agli obblighi di correttezza e trasparenza verso gli investitori e verso il mercato finanziario non in astratto, ma solamente ove rivestano qualche connotazione maggiormente specifica sotto questo profilo” . 

Tali analitiche motivazioni non sono state espletate di conseguenza il ricorso è stato accolto con conseguente annullamento della delibera CONSOB citata di sospensione del consulente finanziario il quale ha quindi potuto rientrare immediatamente nelle sue funzioni.

VUOI CONSULENZA IN QUESTA MATERIA? CHIAMA LO +390532240071

 

Consulenza in questa materia? Contattaci ora.

 

© Riproduzione riservata
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in www.avvocatobertaggia.com/blog
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina di www.avvocatobertaggia.com/blog che contiene l’articolo di interesse.
È vietato che l’intero articolo sia copiato in altro sito; anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e l’inserimento di un link diretto alla pagina di www.avvocatobertaggia.com/blog che contiene l’articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in www.avvocatobertaggia.com/blog è obbligatoria l’indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore. Studio Legale Internazionale Bertaggia – Titolo Consulente finanziario sospensione, processo penale, inammissibile-, in www.avvocatobertaggia.com/blog

 

a proposito di avv.bertaggia

Ti potrebbe interessare anche...

decreto fiscale 2019

Decreto fiscale 2019

DECRETO FISCALE 2019 INFO LINE DECRETO FISCALE 2019 +390532240071 Il Decreto legge 26.10.2019, n. 124, …

2 commenti

  1. Salve Avvocato volevo chiederle se è possibile aprire una società in Bulgaria per gestioni di auto per conto terzi esercitare l attività qui in Italia e pagare le tasse qui in Italia? In questo modo penso di non avere problemi da punto di vista fiscale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Studio Avvocato Bertaggia Blog
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: